Crollano i prezzi del petrolio negli Stati Uniti per eccesso di produzione, bassa domanda e capacità di stoccaggio insufficiente

La crisi COVID19 sta avendo un impatto pesante sui prezzi del petrolio in particolare negli Stati Uniti dove il crollo della domanda e l’insufficiente capacità di stoccaggio hanno costretto i produttori a pagare per prelevare il petrolio estratto. La progressiva riduzione delle capacità di stoccaggio usata dai grandi produttori come strumento per rendere il mercato più volatile e sostenerne i prezzi sta paradossalmente avendo, in questa situazione molto particolare, l’effetto esattamente opposto. Il forte squilibrio tra una consistente offerta e la domanda in crollo induce attualmente, in assenza di sufficiente capacità di stoccaggio, un effetto di shock nel verso esattamente opposto a quello che si ebbe negli anni settanta, fino a portare i prezzi sotto lo zero.

Per saperne di più scrivi a academy@teraenergy.com

Dove Siamo

Via Riguccio Galluzzi, 22 – 50134 Firenze

tera energy